Château Micalet - Cru Artisan

La prima menzione del Cru Micalet è apparsa nella VI édizione (1893) de “Bordeaux et ses vins” e fu classificato come Cru Artisan. La qualità dei vini del cru Micalet era già riconosciuta ai primi del ‘900. Nel 1972 la proprietà passa nelle mani di Denis Fédieu che con la moglie iniziò a ristrutturare i 2ha di vigne. Dal 1986, la vinificazione si trasferì effettivamente nel cuore di Cussac-Fort-Médoc, dove nel 1989 Denis Fédieu fonda il sindacato degli artigiani cru Médoc con altri colleghi per promuovere le piccole fattorie familiari. Nel 2004 l’azienda iniziava la conversione in agricoltura biologica su tre ettari per poi, due anni dopo completarla su tutta la proprietà. Nel 2007 ecco l’ultima generazione con Dominique che porta a compimento il processo di conversione biologica fino alla certificazione completa avvenuta nel 2009.
L’obiettivo è di produrre uve di qualità, secondo i dettami dell’agricoltura biologica, per produrre un vino da poter condividere con gli amanti del vino. Sempre la massima attenzione è rivolta alla vigna, così come ai processi di vinificazione restano rigorosamente tradizionali adattando il lavoro alla materia prima. Proprio in questo si identificano come artigiani.
La varietà principale coltivata è il cabernet sauvignon, l’emblema della regione del Médoc, insieme a merlot, cabernet franc e petit verdot. L’invecchiamento dei vini è fatto in barriques di rovere francese (di cui 1/3 nuove), per almeno 12 mesi.

Le etichette